Un parco da vivere” è lo slogan con cui più volte il Gruppo promotore si è presentato in questi anni in occasione di manifestazioni, incontri di sensibilizzazione e momenti di confronto per discutere il progetto di costituzione del Parco delle Marmarole, Antelao, Sorapiss (Parco del Cadore). Uno slogan carico di significati e che oggi, a distanza di dieci anni dalla prima proposta avanzata, abbiamo pensato di rileggere e spiegare, attraverso questo fascicolo frutto del lavoro di molti che in questi anni hanno studiato la fattibilità dell’iniziativa.

E’ un fascicolo che volutamente vuole essere agile (l’approfondimento di molte sue parti sarà contenuto nel libro “Un parco da vivere” che si può trovare nelle librerie. E’ stato speditoa tutte le famiglie dei dieci comuni interessati al parco (Auronzo, Borca, Calalzo, Cortina, Domegge, Lozzo, Pieve, San Vito, Valle, Vodo) alle scuole, alle Amministrazioni Comunali e agli Enti Pubblici interessati. Sarà fornito come strumento a quanti, come ospiti abituali o occasionali, visiteranno la nostra zona. L’intento principale è spiegare che cos’è un parco, perché è stato pensato per la nostra zona, quali particolarità che lo contraddistinguono, che possibilità – a livello sociale, culturale, economico – può offrire questa proposta. Un tentativo, quindi, per avvicinare e coinvolgere chi, per diversi motivi, non ha avuto modo di discuterne in questi anni. Un modo per fornire un’informazione il più possibile dettagliata e puntuale, su temi spesso confusi o va detto, a volte manipolati. Per farlo ci siamo avvalsi del contributo di esperti dei diversi settori.

…..

Questa proposta va quindi molto al di là della semplice tutela, rappresenta un modo, crediamo, per ridiscutere il nostro modello di sviluppo per migliorare la qualità della vita nella zona e variegare le possibilità di occupazione e di interessi. Parlare di Parco in questa prospettiva per noi significa ripensare al ruolo dell’educare e dell’educarsi (nel senso di conoscere) e rivedere il modo di amministrare e di essere amministrati. Significa, insomma, costruire una proposta in cui tutti possano concorrere a gestire, e far gestire, in modo pulito – in tutti i sensi – il nostro territorio. Dipende da noi.

il Gruppo promotore Parco delle Marmarole, Antelao, Sorapiss (Parco del Cadore)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: