Passo Giau 5 giugno 2022
Raduno alpinistico e ambientalista in difesa delle montagne.

Cittadini, associazioni di volontariato sociale, ambientaliste e alpinistiche si ritrovano domenica 5 giugno a Passo Giau per denunciare ancora una volta l’assalto alle Dolomiti e per rilanciare la protesta contro il modo in cui si sta articolando il progetto complessivo e di dettaglio delle Olimpiadi Milano-Cortina 2026.
Per questo terzo raduno “NON NEL MIO NOME” è stato scelto il Passo Giau perché rappresenta l’emblema dell’aggressione speculativa alla montagna e ai suoi luoghi carichi di storia e ancora integri.

Su questo valico la programmazione urbanistica intercomunale approvata dall’Alto Agordino ha previsto la realizzazione di una struttura turistica di gran lusso per un volume complessivo di 40 mila metri cubi.
Questo stesso luogo è anche minacciato da un mega collegamento sciistico tra Cortina e Alleghe via Selva di Cadore da una parte, e tra Cortina e Arabba dall’altra, previsto da un progetto della Regione Veneto denominato ingannevolmente “Dolomiti no car”, che punta a creare un carosello di impianti a fune tra i più grandi al mondo (… alla faccia della sostenibilità!).
Il raduno del 5 giugno costituirà l’occasione per denunciare le tante criticità legate all’organizzazione delle Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026, un grande evento nazionale e internazionale proposto inizialmente come innovativo perché basato su due principi: evento a costo zero e sostenibile.
Principi finora clamorosamente disattesi, basti pensare che:

• i costi previsti sono già triplicati, arrivando a superare i tre miliardi (tremila-milioni-di-euro), per lo più a carico della spesa pubblica, con poche prospettive di rientro;

• ad oggi non è stata avviata una Valutazione Ambientale Strategica (VAS), seppur prevista dal dossier di candidatura e dalle normative europee e nazionali, la sola in grado di valutare la sostenibilità di un progetto complesso perché tiene conto sia dell’insieme delle scelte strategiche, sia in modo puntuale di ogni singolo progetto, attività, servizio;

• l’azione partecipativa è sostanzialmente inesistente;

• alcuni degli interventi inizialmente annunciati, arrivati alla fase progettuale, risultano altamente critici dal punto di vista ambientale, e altri risultano sproporzionati rispetto al loro utilizzo ordinario successivo ai Giochi, economicamente insostenibili nel tempo e con ogni probabilità destinati all’abbandono, come per le Olimpiadi invernali Torino 2006. (testimonianza di Luca Mercalli)

• molte idee progettuali (due esempi sono la pista da bob e il villaggio olimpico di Cortina) mostrano una grave insensibilità sia verso il pregio e l’unicità irripetibile degli ambienti e dei paesaggi, sia verso le reali necessità delle comunità locali cui servono non fuochi di paglia ma economie e attività durevoli e sostenibili, per continuare a vivere nelle Terre Alte presidiando il territorio nell’interesse di tutti.

Procedendo su questa strada, senza responsabili e rigorose valutazioni, il rischio concreto è che, una volta conclusa l’invasione massiccia delle masse olimpiche, rimanga come “eredità olimpica” (Olympic legacy) solo un enorme spreco di suolo, di paesaggio, di ambiente e di risorse economiche e umane: beni preziosi difficilmente riproducibili.

MA INSIEME POSSIAMO ANCORA INTERVENIRE PER LIMITARE I DANNI!

Dolomiti, 21 maggio 2022

Gli organizzatori:
Peraltrestrade Dolomiti : https://www.peraltrestrade.it/raduno-passo-giau-05-giugno-volantino-programma/
Italia Nostra Consiglio Regionale del Veneto
Italia Nostra del Trentino
Italia Nostra sez. di Sondrio
WWF Terre del Piave Belluno e Treviso
Mountain Wilderness Italia
Libera Veneto
Gruppo promotore Parco del Cadore
Ecoistituto del Veneto “Alex Langer”

5 giugno 2022 ore 9.00 Partenza dal Passo Falzarego (quota 2109 m.) Ampi parcheggi in loco.

Pieve di Cadore, 26 marzo 2022 – Dalle 9,00 alle 12,30
Pieve di Cadore, Salone della Magnifica Comunità

Il 26 marzo 2022 avrà luogo a Pieve di Cadore il convegno dal titolo “La Prima pietra del Parco del Cadore” che porterà in provincia di Belluno grandi esponenti del mondo dell’ambientalismo e dell’associazionismo nazionale.
Promosso dal Gruppo promotore Parco del Cadore e da un ampio cartello di associazioni locali e nazionali, con il Patrocinio della Magnifica Comunità, l’evento celebrerà l’atto di donazione, da parte di due cittadini di Valle di Cadore, di terreni in località Paradisi alle pendici dell’Antelao, primi tasselli del Parco.
Questa donazione ha un grande significato simbolico, e non resterà un atto isolato… ma cosa significhi questo il Gruppo Promotore lo spiegherà in occasione del convegno di Pieve. L’incontro servirà anche per riflettere su che cosa rappresentano i parchi oggi, in tempo di crisi climatica, per la tutela della biodiversità e per le opportunità che offrono ai territori in cui sono inseriti. Al centro già nel 1981 di un progetto di legge presentato dai Verdi (Boato – Valpiana – Boato), il progetto di Parco del Cadore è stato in seguito recepito dalla Regione Veneto nel Piano Territoriale di Coordinamento, dalla Provincia di Belluno nel PTP e infine dall’Unione Europea facendo rientrare l’area del Parco nelle zone SIC (Sito di Interesse Comunitario) e ZPS (Zona Protezione Speciale), Rete Natura 2000.
Tutto quello che era possibile fare da parte dei promotori è stato fatto: ora toccherà alle istituzioni locali trasformare la tutela di un territorio riconosciuto dall’Unesco in una grande opportunità per le persone che ci vivono.

Programma dell’incontro:

– Ore 09,00 – Saluti del vice presidente della Magnifica Comunità, Emanuele D’Andrea;
– Ore 09,30 – Il Parco “fratello” delle Dolomiti d’Ampezzo. Cosa rappresenta oggi per Cortina, Michele Da Pozzo, direttore del Parco delle Dolomiti d’Ampezzo;
– Ore 10,00 – Il CAI e le Aree Protette, un rapporto imprescindibile per la montagna del futuro, Raffaele Marini, presidente Commissione Centrale Tutela Ambiente Montano del CAI;
– Ore 10,30 – Il ruolo dei Parchi di fronte alla crisi climatica e il ruolo dei cittadini per la loro istituzione, Isabella Pratesi, direttrice Conservazione, WWF Italia;
– Ore 11,10 – Il Parco del Cadore: come siamo arrivati alla Prima Pietra, scelte passate e prospettive future, Mirta Da Pra Pocchiesa, Gruppo Promotore Parco del Cadore;
– Ore 11,30 – Località Paradisi, Valle di Cadore La prima pietra parte da lì … e da due cittadini donatori … Giovanni Monico, Gruppo Promotore Parco del Cadore;
– Ore 11,50 – Il Parco del Cadore: un progetto di vita per valli abitate, accoglienti ed educative Luigi Ciotti, presidente Gruppo Abele e Libera.

Per ulteriori informazioni: parcodelcadore@libero.it, tel. 3357423588 www.parcodelcadore. wordpress.com

LOZZO DI CADORE:

Si è celebrata ieri, 2 febbraio, la giornata internazionale delle Zone Umide, istituita nel 1997 per aumentare la consapevolezza sul valore delle zone umide per l’umanità e il pianeta. La ricorrenza è stata valorizzata a Lozzo con un incontro tenutosi nella sala Pellegrini sul tema delle zone umide del Cadore, con riferimento particolare ad una pozza della Valle delle Sepolture a Pian dei Buoi.

Read More

Lozzo di Cadore, Sala Pellegrini
Venerdì 28 gennaio 2022 ore 20,30

Come valorizzare il territorio attraverso una fruizione educativa e accompagnata

Un esempio, un inizio: il Laghetto delle Sepolture a Pian dei Buoi studiato dall’Università di
Padova e inserito nel progetto europeo “Zone umide nel territorio DL”
Programma Interreg V-A Italia-Austria, finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale.

Read More

Petizione contro la nuova PISTA DA BOB di Cortina, continua la raccolta firme:

https://www.change.org/NoPistaBobCortina
La petizione lanciata su Change dalle associazioni ambientaliste contro la nuova PISTA DA BOB prevista a Cortina d’Ampezzo per le Olimpiadi 2026 ha superato le 3100 firme a sostegno.

Tra i firmatari figurano amanti della montagna e dell’ambiente, semplici cittadini, esponenti della cultura e dello sport, e tra essi anche alcuni bobbisti, i quali, ben conoscendo le caratteristiche del loro sport, invitano a svolgere le gare presso l’esistente ed abilitata pista di Innsbruck, risparmiando ambiente e denaro pubblico. Luca Mercalli sottoscrive ricordando la triste sorte della pista di Cesana, costruita per le Olimpiadi di Torino 2006 e abbandonata al degrado.

Read More

A quanto ci risulta i Ministri della Transizione Ecologica e delle Infrastrutture non hanno ancora
risposto a due interrogazioni presentate in Senato dai senatori Orietta Vanin (il 19/10/21) e
Gianmarco Corbetta (il 3/11/21).
In dette interrogazioni si chiedeva in particolare se in base alle normative comunitarie ed
interne di riferimento, l’intero piano delle opere previste per le Olimpiadi Milano-Cortina
2026 non andasse sottoposto a VAS (Valutazione Ambientale Strategica) nazionale di
competenza statale.

Cortina d’Ampezzo 24 ottobre 2021 NON NEL MIO NOME
Cittadini e associazioni in marcia per denunciare l’assalto alle Dolomiti

A Cortina si sono trovati 52 comitati e associazioni accanto a circa 400 cittadini, provenienti da diverse regioni oltre che dal Cadore, per esprimere un deciso NO a una serie di progetti legati alle Olimpiadi invernali Milano – Cortina 2026.

CORTINA Non sembra esserci pace per le opere olimpiche, addirittura ancora prima che s’inizi a lavorare alla loro realizzazione. Alcune associazioni ambientaliste locali, ma con agganci nazionali, hanno infatti indetto per domenica a Cortina una manifestazione contro alcune delle opere previste per il 2026.

L’iniziativa è firmata dalle associazioni Mountain Wilderness Italia, WWF Terre del Piave Belluno-Treviso, Ecoistituto del Veneto “Alex Langer”, Italia Nostra sezione di Belluno, Gruppo Promotore Parco del Cadore, Comitato Peraltrestrade Dolomiti, Insilva.

Per informazioni e adesioni (specificare in oggetto: ADESIONE)
www.mountainwilderness.it/ peraltrestrade.cadore@gmail.com http://www.peraltrestrade.it/

Comunicato delle Associazioni: